farina di farro

La farina di farro

La farina di farro:

Utilizzata fin dall’antichità, la farina di farro è particolarmente indicata per chi non digerisce pane, pasta e altri prodotti a base di grano duro o tenero.

La farina di farro ha un elevato contenuto di fibre che aiuta a regolarizzare il transito intestinale e a preservare la capacità di assorbire l’acqua. La notevole quantità di fibra rende questa farina particolarmente adatta ai regimi dietetici in quanto le fibre, gonfiandosi nello stomaco, tendono ad anticipare il senso di sazietà inducendoci a mangiare meno. Inoltre, essendo ricca di vitamine, sali minerali e proteine, la farina di farro ha un valore nutrizionale elevato, mentre ha un apporto calorico inferiore rispetto alle farine raffinate per via di una più bassa concentrazione di amido. Il suo alto quantitativo di proteine e sostanze minerali, ferro in primis, ha un effetto positivo dal punto di vista fisiologico ed alimentare.

Le proprietà della farina di farro:

Rispetto agli altri cereali, il farro presenta un apporto calorico inferiore. Il farro apporta, infatti, solamente 335 Kcal per 100 grammi.

La farina di farro è ricca di proteine, vitamine del gruppo B ed è importante in quanto contiene anche la metionina, un amminoacido essenziale, coinvolto nella sintesi della carnitina, cisteina e altri fosfolipidi.

Il valore nutrizionale di questa farina è elevato. La farina di farro viene utilizzata soprattutto per la produzione di pasta e pane.

L’alimentazione a base di prodotti derivati dal farro è particolarmente indicata per chi non digerisce pane, pasta o altri prodotti costituiti da grano duro o tenero, ma non per i celiaci.

Tipologie di farina di farro:

FARRO MONOCOCCO:

Il Farro Monococco è il più piccolo e il più antico. L’ipotesi più accreditata è che abbia avuto origine nell’antica Anatolia. Il suo nome si deve al fatto che le sue spighe piccole e fragili contengono generalmente un solo chicco. È un frumento a basso rendimento, adatto a suoli poveri e aridi, con un ciclo vegetativo molto lungo, sviluppandosi in undici mesi.

FARRO DICOCCO:

Il Farro Dicocco è una varietà più produttiva della monococco e la più diffusa in Italia. Il più famoso è il farro della Garfagnana, zona nota anche per la farina di neccio. Ma la sua area di origine si ritiene sia tra il Mediterraneo e il Caucaso. Così viene chiamato, perché la spiga appiattita generalmente presenta due chicchi.

FARRO SPELTA:

Originario del Caspio, Il farro spelta deriva dall’incrocio tra il farro Dicocco e l’ Aegilops Squarrosa, una graminacea selvatica. Più simile al grano tenero, la spiga cilindrica e allungata contiene da due a tre chicchi.

Cliccando qui potete trovare una ricetta per fare la pizza con la farina di farro, sbizzarritevi a casa facendo questa prova!

Continuate a seguire il blog della nostra Pizzeriaa breve ci saranno molte novità